Skip to main content

Limite neopatentati

Sono entrate in vigore le limitazioni sul codice della strada legate ai neopatentati. I limiti sono legati al rapporto peso potenza del veicolo.

Articolo 117 del codice della strada: “I titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio, non e’ consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1, si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW. Le disposizioni si applicano ai titolari di patente di guida di categoria B rilasciata a decorrere dal centottantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge”.

Guida accompagnata

La Guida Accompagnata permette di guidare a partire dall’età di 17 anni.

Primo requisito per poter iniziare è possedere la patente della moto A1.

Un’altra delle condizioni principali per poter accedere alla Guida Accompagnata è l’aver effettuato 10 guide obbligatorie presso un’autoscuola con un istruttore autorizzato. Nelle 10 guide obbligatorie 2 dovranno essere effettuate in notturna e altre 2 in autostrada (o strada extraurbana).

Le 10 guide obbligatorie della guida accompagnata, sostituiranno le 6 guide obbligatorie per conseguire definitivamente la patente B.

Conseguita la possibilità di effettuare la guida accompagnata, si dovranno comunicare alla motorizzazione gli accompagnatori (massimo 3), i quali non dovranno avere un’ età superiore ai 60 anni e dovranno essere regolarmente patentati da almeno 10 anni (senza sospesioni sulla patente negli ultimi 5)

Inoltre non si possono portare passeggeri (ovviamente accompagnatore escluso) e il veicolo non potrà avere un rimorchio.

E’ necessario esporre un contrassegno con le lettere ‘GA’ (Guida Accompagnata, stessa modalità della ‘P’ di Principiante).

Contattaci per avere maggiori informazioni!

Revoca della Patente

La revoca della patente di guida è un provvedimento applicabile qualora il titolare di una patente di guida si rendesse protagonista di violazioni particolarmente gravi del Codice della Strada. Un’altra causa della revoca può essere la perdita dei requisiti fisici, psichici e tecnici necessari alla guida di un veicolo.

Revoca per perdita dei requisiti

In questo caso il provvedimento viene emanato dalla Motorizzazione, e scatta nei seguenti casi:

Perdita con carattere permanente dei requisiti fisici e psichici prescritti;

Nel caso il titolare della patente non risulti idoneo alla revisione della patente;

Nel caso il titolare abbia ottenuto la sostituzione della propria patente con un’altra rilascata da uno Stato estero.

Revoca per violazioni gravi del Codice della Strada

La revoca per condotta viene invece applicata come sanzione accessoria alla sanzione amministrativa relativa alla violazione del Codice della Strada, ed è prevista ad esempio quando:

Per recidività nel superamento dei limiti di velocità di almeno 60 Km/h;

Il titolare guidi in stato di ebbrezza da sostanze stupefacenti o alcool autocarri, autobus o altri veicoli con massa complessiva alle 3,5 t o un complesso di veicoli;

Si circoli contromano su autostrade o strade extra-urbane;

Recidività per guida in stato ebbrezza da sostanze stupefacenti o alcool;

Il titolare circoli durante il periodo di sospensione.

Vieni a trovarci in sede per ricevere ulteriori informazioni, il nostro personale è esperto nella gestione di tali pratiche. Ti aspettiamo!

Patente D e D1

Trasporto Persone – Patente Guida Autobus

Con le nuove direttive la patente per il trasporto di persone si divide in 3: patente D1 (limitata), patente D (senza limiti) e l’integrazione della patente D1 per prendere la D senza dover ripetere gli argomenti già affrontati nell’acquisizione della patente D1.

Attenzione, per la guida professionale (conto terzi) è necessario abbinarla con la Carta di Qualificazione del Conducente (CQC), contattaci per avere informazioni più dettagliate in merito.

Patente D1 (con limitazioni)

Questa patente per il trasporto persone (generalmente per la guida dei minibus) la possono conseguire i candidati che abbiano compiuto 21 anni ma con le seguenti limitazioni rispetto alla patente D completa:

– autoveicoli che hanno un numero di posti sino a 16;

– lunghezza massima di 8 metri;

– rimorchio che non può superare i 750 kg.

L’esame teorico consiste un quiz informatizzato composto da 20 quesiti, sulla struttura del vero o falso, con un massimo di 2 errori consentiti. Tale patente potrà evolversi in D completa una volta raggiunti i requisiti e dopo il superamento di un altro esame informatizzato integrativo, composto sempre da 20 quesiti sulla base del vero o falso e con un margine di errori pari a 2.

Patente D (senza limitazioni)

La patente D consente di guidare i veicoli adibiti al trasporto persone, una volta compiuti i 24 anni. Ricordiamo che per la guida professionale (conto terzi) è necessario abbinarla con la Carta di Qualificazione del Conducente e si può conseguire anche a 21 anni.

Secondo le nuove normative anche questa patente, prevede il superamento di un esame teorico informatizzato composto da 40 quiz, con un massimo di errori consenti pari a 4.

Estensione Patente E

Dopo il 2 marzo 2015 la teoria della patente E è inclusa nell’esame di teoria delle patenti D o D1, di conseguenza per avere l’abilitazione alla patente E sarà necessario sostenere solo l’esame di guida. Per ulteriori informazioni visita l’articolo sul nostro sito dedicato alla Patente E.

Patente E – Guida con rimorchi

Autosnodati e Autoarticolati

Hai bisogno di aumentare le tue competenze professionali? I nostri istruttori qualificati, forti di una serie di strumenti all’avanguardia messi a disposizione dalla nostra autoscuola, sapranno sostenerti in tutto il processo di formazione, garantendo tempistiche contenute ed un supporto costante e personalizzato per ogni candidato. Continua a leggere per scoprire come acquisire la patente E.

La patente E è un estensione delle patenti B, C e D. Consente di guidare con un rimorchio superiore ai 750 kg, al di sotto di questo peso il rimorchio è considerato “leggero” e quindi la patente E non è necessaria (salvo rari casi).

N.B.: In seguito agli ultimi aggiornamenti, superando l’esame di teoria delle patenti C, D, C1 e D1 dopo il 2 marzo 2015 si riceve automaticamente l’abilitazione a sostenere direttamente l’esame di guida della patente E.

Estensione patente CE e C1E

La patente C1E si può conseguire a 18 anni e si possono guidare complessi di veicoli con una motrice e un rimorchio (o semirimorchio) di una massa superiore a 7,5 t. ma che non supera le 12 t. La patente CE, invece, si può conseguire a 21 anni e si possono guidare complessi di veicoli con una motrice e un rimorchio (o semirimorchio) con massa superiore a 7,5 t.

Di seguito i 2 diversi scenari possibili per acquisire l’estensione CE o C1E:

1) Esame di teoria della patente C o C1 sostenuto e superato prima del 2 marzo 2015

Per chi avesse acquisito le patenti superiori C o C1 prima del 2 marzo 2015: per prendere le estensioni CE o C1E l’esame di teoria della patente E rimane forma orale.

2) Esame di teoria della patente C o C1 sostenuto e superato dopo del 2 marzo 2015

In questo caso, chi acquisisce le patenti superiori C o C1 dopo il 2 marzo 2015: per prendere le estensioni CE e C1E bisogna sostenere solo la prova pratica di guida della patente E, poiché l’esame di teoria è incluso nei quiz informatizzati.

Con la patente CE si abilita anche la patente B+E e in caso di possesso della patente D anche la DE.

La scadenza rimane legata alla patente C.

Estensione patente DE e D1E

La patente D1E si può conseguire a 21 anni e abilita alla conduzione di un rimorchio di massa superiore a 750kg con veicoli conducibili nella categoria D1.
La patente DE si può conseguire a 24 anni e abilita alla conduzione di un rimorchio di massa superiore a 750kg. 

Di seguito i 2 diversi scenari possibili per acquisire l’estensione DE o D1E:

1) Esame di teoria della patente D o D1 sostenuto e superato prima del 2 marzo 2015

Per chi avesse acquisito le patenti superiori D o D1 prima del 2 marzo 2015: per prendere le estensioni DE o D1E l’esame di teoria della patente E rimane forma orale.

2) Esame di teoria della patente D o D1 sostenuto e superato dopo del 2 marzo 2015

In questo caso, chi acquisisce le patenti superiori D o D1 dopo il 2 marzo 2015: per prendere le estensioni DE e D1E bisogna sostenere solo la prova pratica di guida della patente E, poiché l’esame di teoria è incluso nei quiz informatizzati.

La scadenza rimane legata alla patente D.

Recupero punti della Patente di guida

Purtroppo, se stai leggendo questa sezione, significa che con tutta probabilità hai qualche punto in meno sulla tua patente di guida. Non ti preoccupare i nostri corsi di recupero punti patente ti aiuteranno a ristabilire il punteggio perso

Come ben sai ad ogni patente è assegnato un punteggio iniziale di 20 punti che diminuisce ogni qualvolta viene commessa un’infrazione che rientra nei casi di decurtazione.

Sei un neopatententato?

I punti persi dai neopatentati (nei primi tre anni) vengono raddoppiati per ogni violazione. Il nuovo codice della strada prevede inoltre un tasso alcolemico pari a zero per i neopatentati e per i conducenti professionali.

Non sai quanti punti hai sulla patente?

Per conoscere il tuo saldo punti puoi chiamare il numero verde 848.782.782, oppure accedendo con le tue credenziali personali al Portale dell’Automobilista.

Quanto durano e come funzionano i corsi di recupero punti?

Per quanto riguarda le patenti AM, A1, A2, A, B1, B, BE puoi recuperarne un massimo di 6 frequentando un corso di 12 ore, mentre per le patenti B + KB, C, CE, D, DE, CQC puoi recuperarne un massimo di 9 frequentando con un corso di 18 ore. C’è da aggiungere che, nel momento in cui non si commettono infrazioni per due anni consecutivi, il punteggio ritornerà ad essere quello di partenza di 20 punti. Ma attenzione non rischiare di perderli tutti altrimenti devi rifare l’esame della patente.

Hai perso tutti i punti sulla tua patente?

Nel caso della perdita totale dei punti è necessario rifare l’esame teorico in modalità informatizzata e quello pratico di guida. Dal ricevimento della lettera da parte del ministero dei trasporti si hanno 30 giorni per sostenere l’esame con la possibilità di circolare. Dopo questo periodo, se non si riabilita la patente viene sospesa a tempo indeterminato. Passato l’esame i punti ritornano al punteggio iniziale di 20.

Non hai mai subito decurtazioni dei punti sulla tua patente?

A punteggio pieno si possono guadagnare 2 punti per ogni 2 anni trascorsi senza commettere infrazioni, potendo raggiungere un massimo di 30.

Quanti punti si possono decurtare con una sola infrazione?

Ti possono togliere massimo 15 punti in una volta sola. Ovviamente tali infrazioni commesse contemporaneamente non devono rientrare tra la sospensione o revoca della patente.

Cosa succede se guidi con una patente straniera?

I punti sono tolti anche se la patente appartiene ad uno stato estero ma con differenti modalità:

  • al titolare di patente straniera che nell’arco di un anno perde almeno 20 punti, non potrà guidare sul territorio italiano per 2 anni;
  • al titolare di patente straniere che nell’arco di 2 anni perdono almeno 20 punti non potrà guidare sul territorio italiano per almeno 1 anno;
  • al titolare di patente straniera che tra il secondo e terzo anno perde almeno 20 punti non potrà guidare sul territorio italiano per 6 mesi.

Tabella decurtazione punti Patente

10 punti

  • Eccesso di velocità superiore ai 40 km/h
  • Guida in stato di ebbrezza
  • Circolazione contromano in caso di curve o in condizioni di scarsa visibilità
  • Omissione di soccorso dopo un incidente con danni alle persone
  • Omissione di soccorso dopo un incidente se i danni rendono obbligatoria la revisione dell’auto
  • Circolazione sulle corsie di emergenza nei casi non consentiti
  • Gare di velocità decise di comune accordo
  • Inversione di marcia in autostrada
  • Retromarcia in autostrada
  • Violazione dei posti di blocco
  • Trasporto di merci pericolose senza autorizzazione
  • Violazione delle norme per il trasporto di merci pericolose
  • Rifiuto dell’accertamento del tasso alcolemico
  • Mancato uso o uso non regolare del cronotachigrafo

8 punti

  • Mancato rispetto della distanza di sicurezza con conseguente incidente con lesioni gravi a persone
  • Mancato rispetto delle disposizioni sull’incrocio con conseguente incidente con lesioni gravi a persone
  • Inversione di marcia in prossimità di curve, di incroci o di dossi

6 punti

  • Passaggio con semaforo rosso o mentre il vigile stia dando la precedenza ad altri flussi di traffico
  • Mancato rispetto del passaggio a livello
  • Mancato rispetto del segnale di Stop

5 punti

  • Mancato uso delle cinture di sicurezza
  • Mancato uso dei seggiolini di sicurezza per bambini
  • Alterazione del funzionamento delle cinture di sicurezza
  • Comportamento irregolare nelle strettoie
  • Sorpasso a destra di tram e filobus in prossimità di una fermata
  • Sorpassi pericolosi
  • Mancato rispetto dell’obbligo di dare la precedenza
  • Mancato uso del casco regolarmente allacciato
  • Mancato rispetto dell’obbligo di precedenza ai pedoni sugli attraversamenti pedonali
  • Mancato rispetto dell’obbligo di precedenza nell’attraversare la strada ai disabili
  • Uso del telefonino senza viva voce durante la guida
  • Mancato uso delle lenti correttive ove prescritto
  • Violazione dell’obbligo di moderare la velocità in caso di curve, incroci e visibilità limitata
  • Eccesso di velocità compreso di oltre 10 km/h e fino a 40 km/h

4 punti

  • Occupazione della corsia centrale o di sinistra nel caso di corsia libera a destra
  • Omissione di soccorso nel caso di incidente provocato da chi guida, con danni solo alle cose
  • Guida contromano
  • Circolazione in autostrada con veicoli non ammessi

3 punti

  • Mancato rispetto della distanza di sicurezza
  • Trasporto di carichi senza le dovute attenzioni
  • Uso improprio degli abbaglianti
  • Violazione delle regole di sorpasso dei tram
  • Mancato accertamento delle condizioni per fare un sorpasso

2 punti

  • Sorpasso a destra
  • Inosservanza della segnaletica stradale a eccezione di quella di sosta e di fermata
  • Uso improprio delle “frecce”
  • Cambi di corsia irregolari o svolte non segnalate
  • Mancata esposizione del triangolo nel caso di avaria
  • Trasporto di persone in soprannumero
  • Intralcio irregolare della strada nel caso di incidente
  • Mancato rispetto dei periodi di pausa per gli autotrasportatori
  • Traino di veicoli in autostrada
  • Inosservanza del divieto di sosta in corsie e carreggiate riservate ai mezzi pubblici
  • Inosservanza del divieto di sosta nei posteggi per disabili e in corrispondenza di scivoli a loro dedicati
  • Violazione dell’obbligo a cedere il passo a veicoli con sirena o lampeggianti accesi
  • Violazione del divieto di seguire veicoli con sirena o lampeggianti accesi avvantaggiandosi nella marcia

1 punto

  • Inosservanza delle norme sull’uso dei fari
  • Mancanza o irregolarità dei documenti
  • Trasporto irregolare di cose su veicoli e rimorchi
  • Inosservanza delle disposizioni sul trasporto di persone o cose sui veicoli a due ruote

Conversione Patente estera

Se hai deciso di risiedere per un lungo periodo in Italia e possiedi una patente estera, ti conviene fare la conversione della tua patente.

Ricorda che con la tua patente internazionale puoi guidare solo un anno da quando sei residente in Italia. Per i paesi appartenenti alla comunità europea non è necessaria la conversione. E’ sufficiente presentare un’ autocertificazione per il cambio di residenza che puoi effettuare direttamente nella nostra autoscuola.

Sono necessari i seguenti documenti:

  • 3 foto tessera
  • Patente di guida
  • Carta d’identità
  • Codice Fiscale
  • Per i cittadini extracomunitari permesso di soggiorno in corso di validità
  • Traduzione della tua patente eseguita al consolato di appartenenza

La conversione è possibile per i seguenti paesi:

  • ALBANIA
  • ALGERIA
  • ARGENTINA
  • AUSTRIA
  • BELGIO
  • BULGARIA
  • CIPRO
  • CROAZIA
  • DANIMARCA
  • EL SALVADOR
  • ESTONIA
  • FILIPPINE
  • FINLANDIA
  • FRANCIA
  • GERMANIA
  • GIAPPONE
  • GRAN BRETAGNA
  • GRECIA
  • IRLANDA
  • ISLANDA
  • LETTONIA
  • LIBANO
  • LEICHTENSTEIN
  • LUSSEMBURGO
  • LITUANIA
  • MACEDONIA
  • MALTA
  • MAROCCO
  • MOLDAVIA
  • NORVEGIA
  • PAESI BASSI
  • POLONIA
  • PORTOGALLO
  • PRINCIPATO DI MONACO
  • REPUBBLICA CECA
  • REPUBBLICA COREA
  • REPUBBLICA SLOVACCA
  • ROMANIA
  • SAN MARINO
  • SLOVENIA
  • SPAGNA
  • SVEZIA
  • SVIZZERA
  • TAIWAN
  • TUNISIA
  • TURCHIA
  • UNGHERIA

Tuttora tra vari Stati sono in corso accordi bilaterali in via definizione, per tanto questa lista è in continua evoluzione e di conseguenza non è da considerasi un documento ufficiale. Purtroppo se il tuo paese di provenienza non fa parte degli stati dove è possibile la conversione della patente, tuo malgrado dovrai ridare gli esami.

Per i seguenti stati la conversione è possibile solo per alcuni cittadini:

Canada – personale diplomatico e consolare

Cile – diplomatici e familiari

Stati Uniti – personale diplomatico e consolare e familiari

Zambia – cittadini in missione governativa e loro familiari.

Rinnovo della Patente

Patente Scaduta – Validità Patente

Sta per scadere la patente?

Magari è già scaduta?! Non preoccuparti, corri subito da noi per rinnovare la tua patente! Il rinnovo è semplice, consiste in una serie di accertamenti da parte del medico (come ad esempio la visita oculistica). La nostra autoscuola ha il medico in sede e una volta verificata l’idoneità ti rinnoverà la patente immediatamente, rilasciando una ricevuta sostitutiva e senza farti aspettare, così potrai tornare subito a circolare tranquillo con la tua patente di guida rinnovata. Le vecchie patenti cartacee saranno inoltre ritirate e sostituite con le più moderne e resistenti card.

Scadenza al compleanno

Il governo ha deciso di allineare la scadenza del documento di guida per le patenti A e B alla data del compleanno, per tutti i rinnovi patente effettuati dopo settembre 2012. Di conseguenza alla prossima scadenza si “guadagneranno” dei mesi, infatti la data di scadenza del documento sarà prorogata sino alla data del compleanno.

Ci sono delle eccezioni che riguardano le patenti professionali e le date imposte dalla commissione medica locale

Sono necessari i seguenti documenti:

  • Patente di guida
  • Codice fiscale
  • Per i cittadini extracomunitari permesso di soggiorno in corso di validità.
  • 2 foto tessera solo se vuoi la nuova patente in formato card

Validità Patente

PATENTE A e B

  • 10 anni fino ai 50 anni
  • 5 anni tra i 50 anni e i 70 anni
  • 3 anni dopo i 70 anni sino a 80 anni
  • 2 anni dopo gli 80 anni.

PATENTE C, CE

  • 5 anni fino ai 65 anni

Dopo i 65 anni è necessario recarsi in Commissione Medica Locale (CML) nelle seguenti modalità:

  • ogni anno e non oltre i 68 anni per chi è interessato a guidare mezzi pesanti superiori alle 20 t.
  • ogni 2 anni senza limite per chi NON fosse interessato a guidare mezzi pesanti superiori alle 20 t.

Il tagliando autoadesivo del rinnovo verrà spedito direttamente a casa.

NB. nel caso non si voglia effettuare il rinnovo è possibile riclassificarla nella patente B

PATENTE D, DE

  • 5 anni fino ai 60 anni
  • 1 anno tra i 60 anni e i 68 anni (il rinnovo deve essere fatto presso la Commissione Medica Locale, oppure puoi decidere di riclassificarla nella patente B)

Ricordati che le patenti speciali possono avere una scadenza differente, poiché dipende da quanto disposto dalla Commissione Medica Locale.

Una volta effettuata la visita, ti sarà fornito un permesso provvisorio per circolare da subito, mentre il tagliandino ufficiale (con la nuova scadenza) ti verrà spedito direttamente nella casa dove sei residente.

Duplicato patente

Smarrimento – Deterioramento – Ottenere Duplicato Patente

La tua patente è troppo vecchia e non si legge nulla? La mogliettina te l’ha infilata in lavatrice ed è diventata più bianca che non si può? Il cane del tuo maritino l’ha fatta a pezzettini? Porta pazienza, in casi come questi non c’è bisogno di richiedere il divorzio, basta venire da noi e fare il duplicato portandoci questi documenti in autoscuola:

  • Fotocopia della carta d’identita e del codice fiscale
  • Patente in originale
  • nel caso si è extracomunitari , permesso di soggiorno in corso di validità o in fase di rinnovo
  • 2 fotografie formato tessera di cui 1 autenticata in comune (oppure 2 foto semplici se contestualmente si effettua anche il rinnovo)

Duplicato per smarrimento

Ti chiedi dov’è finita la patente? Sicuro di averla cercata proprio dappertutto?

Se non si trova, corri subito a denunciare lo smarrimento e poi vieni da noi con i seguenti documenti, così potrai tornare a dormire sonni tranquilli.

  • Fotocopia della carta d’identita e del codice fiscale
  • nel caso si è extracomunitari , permesso di soggiorno in corso di validità o in fase di rinnovo
  • 2 fotografie formato tessera di cui 1 autenticata in comune
  • Denuncia di smarrimento della patente

Patente internazionale

Convenzione Vienna – Convenzione Ginevra – Elenco Stati

Nel tempo, con l’aumentare della circolazione stradale, si è sentita la necessita di regolamentare gli spostamenti dei veicoli tra i vari paesi. Questi accordi sono chiamati “convenzioni” e sono principalmente tre:

  • Parigi del 1926 (rarissimi casi)
  • Ginevra del 1949
  • Vienna del 1968

L’Italia nel tempo ha aderito a tutte queste convenzioni. Attualmente per il nostro paese fa fede solo quella di Vienna del 1968, le altre non hanno più valore (questo sarà importante per chi si recherà nel nostro paese con una patente internazionale). Per noi che abbiamo bisogno di viaggiare verso altri stati è molto importante sottolineare che altre nazioni fanno riferimento ancora alle convezioni più datate (il Giappone ad esempio si basa ancora su quella di Ginevra del 1949, quindi per andarci e poter guidare abbiamo bisogno di una patente internazionale che si basa su quella convenzione!) Nel richiedere la patente internazionale è fondamentale sapere su quale convenzione ha aderito il paese dove siamo intenzionati a recarci. Se dovessimo sbagliare la patente internazionale non avrebbe nessun valore in quella nazione.

In ogni caso non ti preoccupare penseremo noi a risolvere tutte queste questioni complicate!

Ricordiamo che la nostra patente italiana è valida per tutti i paesi della Comunità Europea.

Sono necessari i seguenti documenti:

  • Carta d’identità
  • Codice Fiscale
  • Patente
  • 2 foto (una autenticata)
  • Permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari

Scadenze

Anche la validità varia in base alla convenzione. Per la convenzione di Vienna la scadenza è di 3 anni (sempre se la nostra patente italiana non scade prima), le altre hanno la validità di un solo anno.

Convenzione Vienna 1968: elenco stati

Di seguito riportiamo un elenco di stati che hanno aderito alla convenzione di Vienna 1968 (sono stati eliminati, per non creare confusione, gli stati appartenenti alla Comunità Europea in quanto non è necessario avere la patente internazionale).

  • Bahamas
  • Bahrein
  • Bielorussia
  • Bosnia erzegovina
  • Brasile
  • Costa d’avorio
  • Croazia
  • Cuba
  • Federazione russa
  • Filippine
  • Georgia
  • Guyana
  • Iran
  • Israele
  • Jugoslavia
  • Kazakhstan
  • Kuwait
  • Macedonia
  • Marocco
  • Moldova
  • Monaco
  • Niger
  • Norvegia
  • Pakistan
  • Repubblica centrafricana
  • San marino
  • Senegal
  • Seychelles
  • Sud africa
  • Svizzera
  • Tajikistan
  • Turkmenistan
  • Uruguay
  • Uzbekistan
  • Zaire
  • Zimbabwe

L’articolo 8 della prima convenzione internazionale di Parigi 1926 (ormai sostituita da altre convenzioni più aggiornate) stabiliva un concetto molto importante fondamentale anche per i nostri tempi (infatti, viene riportata anche nel nostro codice). Citava: “Il conducente di un autoveicolo che circoli in un determinato Paese è tenuto a conformarsi alle leggi ed ai regolamenti in vigore nel Paese medesimo, per ciò che concerne la circolazione”.

Per non incorrere in spiacevoli situazioni, ricordiamoci questa regola fondamentale prima di recarci in un altro paese.

Conversione Patente militare

Militare in Congedo – Militari in Servizio

La richiesta può essere fatta da militari in congedo o militari in servizio.

Militari in congedo

Per convertire la patente militare in una patente civile deve essere fatta una richiesta specifica entro un anno dal congedo.

Sono necessari i seguenti documenti:

  • 2 foto tessera di cui una autenticata
  • Codice fiscale
  • Congedo (ufficiali esclusi)
  • Autocertificazione contenenti le informazioni del foglio di congedo (Ufficiali esclusi)
  • Allegato N rilasciato dalle autorità militari.
  • Per gli ufficiali autocertificazione contenente le stesse informazioni dello stato di servizio rilasciato dal distretto militare ed eventuale fotocopia dello stesso

I possessori di una patente D o DE che non hanno ancora compiuto 21 anni verrà rilasciata una patente di categoria C o CE. Al compimento del 21esimo anno di età avranno un anno di tempo per richiedere il duplicato della patente precedentemente posseduta.

Militari in servizio

 Sono necessari i seguenti documenti:

  • 2 foto tessera di cui una autenticata
  • Codice fiscale
  • Patente militare
  • Dichiarazione di servizio al corpo di appartenenza
  • Autocertificazione relativa alla stato di servizio

La nuova Patente per la Moto (A2, A1, A)

Guida all’acquisizione delle nuove patenti europee per la guida di qualsiasi tipo di motociclo

Viaggiatori si nasce, motociclisti si diventa! Se anche tu ami le due ruote, allora, la patente A è quello che ti serve, e seguendo il nostro percorso formativo potrai presto realizzare questo tuo desiderio. Iscrivendoti con noi potrai infatti contare su un team specializzato nel formare i motocilisti del futuro, esercitandoti alla guida e preparandoti ad affrontare la strada con una piena consapevolezza dei pericoli che ne derivano.

Scopriamo ora le varie tipologie di patente A, differenti per limiti e tipologie di motocicli utilizzabili:

Patente A1

Con l’acquisizione della patente A1 è possibile guidare motocicli con cilindrata non superiore ai 120cc (non superando però la potenza di 11 Kw). Con la patente A1 non è invece possibile guidare quadricicli pesanti, come ad esempio i quad.

Patente A2

Le patenti A2 consentono la guida di motocicli di potenza massima pari a 35 Kw; dopo il passaggio di due anni dall’acquisizione, la patente non si trasforma in A. Le patenti A2 rilasciate prima del 19 Gennaio 2013 permettono invece la guida di motocicli fino a 25 Kw di potenza, trasformandosi automaticamente in patente A dopo due anni dal suo conseguimento.

Patente A

Conseguibile all’età di 24 anni – 20 nel caso si possieda la patente A2 da almeno 2 anni -, la Patente A è valida per poter circolare con motocicli di qualsiasi cilindrata e potenza, comprendendo anche tutti quelli consentiti dalle patenti A1 e A2. Per circolare con mezzi di potenza superiore a 15 Kw è comunque necessario aver compiuto 21 anni.

Di seguito sono riportate le modalità degli esami e le specifiche obbligatorie delle piste su cui sarà possibile affrontarli.

PROVA PRATICA 1 – di equilibrio, andatura lenta

Importante: Andare PIANO, abilità richiesta EQUILIBRIO.

E’ un percorso che sollecita il proprio equilibrio alla guida di una moto. Per superarlo con successo bisogna affrontare con una velocità moderata la prova e di conseguenza non impiegare un tempo inferiore a 15 secondi per completare il percorso.

Il candidato effettua dapprima uno slalom nel primo corridoio, lasciando sulla destra il primo cono posto a 2,2 metri dalla partenza. Al termine dello slalom il candidato dovrà quindi percorrere, a velocità ridotta e nel modo più regolare possibile, un percorso avvolgente attorno al cono posto centralmente. Successivamente si dovrà quindi percorre il corridoio stretto.

Determina l’esito negativo delle prove anche solo una delle seguenti irregolarità:

  • a) Toccare uno o più coni;
  • Saltare un cono durante lo slalom o uscire dal percorso;
  • Mettere un piede a terra;
  • Coordinare in modo irregolare la guida, dimostrando scarsa abilità;
  • Impiegare un tempo inferiore a 15 secondi per completare il percorso.

PROVA PRATICA 2 – Prova di abilità, andatura veloce

Importante: Mantenere una velocità sostenuta. L’abilità principale richiesta è quella di saper evitare un ostacolo in velocità. È poi richiesto di NON impiegare un tempo superiore a 25 secondi per completare il percorso.

È un percorso che sollecita l’abilità del candidato nell’affrontare in velocità dapprima uno slalom e successivamente nell’evitare un ostacolo sempre mantenendo una velocità sostenuta.

Il candidato effettua dapprima uno slalom lasciando indifferentemente, sulla destra o sulla sinistra, il primo cono. Al termine dello slalom dovrà passare tra tre coni posti al centro della pista, quindi percorrere il secondo corridoio passando all’interno dei coni distanziati di 1 metro. Infine è richiesto di arrestare il veicolo in modo che la ruota anteriore superi il primo allineamento, ma non il secondo.

Determina l’esito negativo delle prove anche solo una delle seguenti irregolarità:

  • Toccare uno o più coni;
  • Saltare un cono durante lo slalom o uscire dal percorso;
  • Mettere un piede a terra;
  • Coordinare in modo irregolare la guida, dimostrando scarsa abilità;
  • Arrestare il motociclo con la ruota anteriore che non ha superato il primo allineamento o che ha superato il secondo allineamento;
  • Impiegare un tempo superiore a 25 secondi per completare il percorso.

Illustrazioni grafiche delle piste su cui eseguire le prove

 class=
  • 1
  • 2